Ficedula lancia la raccolta dati sugli uccelli svernanti in Ticino

Nei prossimi tre anni, sempre nel periodo dicembre-gennaio, Ficedula raccoglierà dati per realizzare il secondo Atlante degli uccelli del Ticino in inverno, trent’anni dopo la prima ricerca.

Anche i soci dell’APM sono invitati a partecipare a questo progetto di osservazione e di rilevamento, che vuole fare il punto sulle trasformazioni subite dal territorio e sulle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Vai al rilevamento

Tutte le informazioni

Comunicato stampa di Legambiente Lombardia Onlus e Coordinamento Salviamo il Ticino

Sono circa 70 i depuratori – alcuni dei quali malfunzionanti – che scaricano, direttamente o tramite recettori nel Ticino e impediscono il processo di miglioramento della qualità delle acque e il raggiungimento dello stato di balneabilità. Tra essi il depuratore di S. Antonino Ticino a Lonate Pozzolo (Va) che dal 2006 rilascia nel cosiddetto Fiume Azzurro e nel Naviglio liquami non conformi alle norme vigenti con grave danno all’ambiente. L’impegno di Legambiente e Coordinamento Salviamo il Ticino non è mai venuto meno: “Abbiamo fatto diffide, esposti e denunce alla Procura che portarono al sequestro preventivo dell’impianto e ad una indagine giudiziaria che prevedeva una serie di adempimenti per migliorare la depurazione” – ricordano Claudio Spreafico e Roberto Vellata, rappresentanti del Coordinamento Salviamo il Ticino – “Purtroppo, malgrado gli investimenti pubblici di miliardi di lire prima e milioni di euro poi, i risultati attesi non si vedono ancora e anche quest’anno da agosto a fine ottobre quotidianamente il Ticino ed il Naviglio sono stati coperti da abbondanti schiume e le acque erano scure e maleodoranti con presenza di solidi sospesi”.

Continue reading “Comunicato stampa di Legambiente Lombardia Onlus e Coordinamento Salviamo il Ticino”

Conferenza stampa – Gudo, 4 giugno 2018

Il Piano di Magadino: sfide e interrogativi

Il Piano di Magadino (PdM) è spesso indicato quale esempio delle numerose contraddizioni che caratterizzano l’assetto del territorio ticinese. Da un lato, essendo la maggiore estensione pianeggiante del Cantone (4’000 ettari) e godendo di ottimi allacciamenti
con le principali vie di comunicazione ferroviarie e stradali, è un territorio nel quale tende ad insediarsi ogni tipo di attività. Dall’altro, nonostante queste pressioni, circa la metà dell’area è ancora relativamente libera da insediamenti e rappresenta una primaria risorsa per l’agricoltura, la natura e lo svago locale.

Continue reading “Conferenza stampa – Gudo, 4 giugno 2018”